La Nostra Storia

Il Ponte-Mict nasce con la volontà di aiutare i bambini ucraini disagiati, senza genitori o reduci da gravi malattie, ma si propone anche come associazione culturale per far conoscere storia e tradizioni dell’Ucraina.

Abbiamo scelto di chiamarci “Il Ponte” (tradotto “mict”, che si legge mist, in ucraino) per indicare simbolicamente lo scopo della nostra associazione: essere innanzi tutto una occasione di incontro, di unione tra due sponde, tra due mondi, tra due culture diverse.

La storia de “Il Ponte – Mict” ha inizio nel 1998, come conseguenza e sviluppo di una iniziativa di educazione alla pace e alla mondialità, realizzata dalla Biblioteca di Caldogno nei tre anni precedenti, a sostegno di bambini e ragazzi ucraini provenienti dalle aree contaminate in seguito all’incidente avvenuto nel 1986 alla centrale atomica di Chernobyl.

La larga adesione ai “Soggiorni di Risanamento” ci ha fatto capire che c’era bisogno di una associazione ad hoc, disposta a seguire e indirizzare le famiglie ospitanti che cominciavano ad essere non più solo di Caldogno, ma di un numero crescente di paesi limitrofi positivamente “contagiati”.

Abbiamo capito che era necessario mettere in piedi un’associazione capace di fare davvero da “ponte” tra i bambini ucraini e i nostri volontari desiderosi di sostenerli.

Inizialmente l’obbiettivo era solo quello di far trascorrere una vacanza salutare ai ragazzini invitati; ma col tempo abbiamo iniziato a prendere contatto con orfanotrofi ed ospedali, potendo così offrire un aiuto ancora più consistente e continuativo nel tempo.

Nel percorso fin qui compiuto abbiamo capito sempre di più come l’esperienza di ospitare un bambino che non conosciamo, ma che probabilmente ci diventerà caro, è un momento importante per le nostre famiglie e per la società in cui viviamo. Per questo siamo giunti a considerare la nostra Associazione non solo come uno strumento di solidarietà verso gli altri, ma anche come un’opportunità per noi stessi di crescita come persone, come genitori, come famiglia e come società.

Sin dall’inizio la nostra attività umanitaria, volta a rendere possibili e numerosi i Soggiorni di Risanamento, è stata affiancata da quella culturale, perchè siamo convinti che per vivere con gli altri, anche con dei bambini, dobbiamo conoscere qualcosa del loro paese, della loro storia, delle loro tradizioni.

Abbiamo imparato molto dell’Ucraina e abbiamo divulgato al di fuori dell’Associazione questa conoscenza organizzando eventi importanti come mostre, convegni e pubblicazioni, che sono state molto apprezzate anche in Ucraina.

La Nostra Missione